Si avvicinano le prime colate di Poverarte_1∞

Poverarte – Festival di tutte le Arti presenta:

23215809_1860334304279612_1511380754147448805_o

Esplosioni artistiche nel segno della trasformazione.

La parola della poesia, nella necessità performativa, incontra la voce e il corpo e si trasforma in poesia orale. L’incontro/scontro voce-corpo genera lo slancio linfatico dello spettacolo teatrale, unendosi allo strumento per la riproduzione e lasciare il posto ai sussulti delle esibizioni musicali.

Parola, corpo e musica convergono divenendo nello strumento registrazione immagine fotografica e filmica, e il cerchio è chiuso.

Le Eruzi∞ni rappresentano l’anima dell’espressione che ciò che investe muta. Come magma.

A seguito delle prime Eruzi∞ni , le prossime vi attendono Venerdì 17 Novembre ad Ateliersi.

Artistic explosions in the name of transformation.

The words of poetry, in their need for performance, meet voices and bodies becoming oral poetry. The meeting, and collision, of voice and body generates an energetic thrust into theatrical performance, blending into instruments for repetition, allowing the shudders of live music onto the stage.

Words, body, and music converge becoming a recording of photographic images and film, and thus the circle closes.

Eruzi∞ni represent the soul of expression, transforming all it goes through. Like magma.

_______________________________________________

Ateliersi 17 novembre
dalle 20:00 alle 03:00
Mostra fotografica
“non corpo”
Gloria Giuditta Dardari

Il corpo diventa scrittura astratta e appunto visivo, materia plasmabile che si presta al confronto con l’ambiente per annullarsi in esso, fuori dal tempo e dallo spazio.
La rappresentazione completamente decontestualizzata di corpi e architetture consente all’osservatore di assistere al naturale che si fonde con l’artificio senza che tempo e spazio possano intercedere. Il corpo parla di sé attraverso la forma architettonica e vice versa, spogliandosi definitivamente del concetto di persona per divenire a tutti gli effetti pura forma.
L’uomo comprende, contiene in sé, è in empatia con ogni elemento della sua realtà, ne è consapevole e ne diventa padrone, in un flusso vitale eterno che non si limita al corpo, ma in cui il corpo è necessario.

In interazione con la mostra l’ambiente sonoro “brain room” di Andrea Gianessi che indaga l’interazione tra suono puro e spazio tramite i battimenti e i controfase delle onde sonore a bassa frequenza. La stanza si trasforma in una mente che risuona, respira, si dilata e restringe, vive.

21:30
Spettacolo teatrale
84 Gradini – di Giuseppe Mortelliti

“La vita è fatta a scale, c’è chi scende e chi sale”
Partendo da questa metafora è nata una storia
84 gradini è la storia di un uomo che ha vissuto la sua vita sempre di corsa.
Nasce in campagna e viene a vivere in città. Qui trova lavoro, si fa grande, costruisce una famiglia, amicizie, vive il dolore di una perdita, continua a lavorare…
Nasce e cresce, come tutti. Alcune persone gli lasciano molto, altre gli passano accanto senza segni apparenti. Con i suoi genitori ha un rapporto che si distacca sempre più con gli anni. Conosce l’amore, vive la chiamata ad essere padre. Pensa, ragiona sulle sue azioni. Assapora il lutto, che necessariamente fa parte della vita; e nel salire i suoi gradini, non rallenta mai la sua scalata. Questa sua vita è una scalata verso cosa?

“84 Gradini” è la corsa di chi è in fuga perenne senza vivere una vita spericolata.

musiche: Francesco Leineri
scenografia: Simone Martino

22:40
vocal performance
“nel nulla”
Francesca Lateana
Sperimentazione vocale tra arie antiche e respiri. Creata appositamente per Eruzi∞ni è una performance site specific intitolata “Nel Nulla”, nella quale interagisce con lo spazio, con la mostra fotografica “non corpo” di Gloria Giuditta Dardari e con la sonorizzazione “brain room” di Andrea Gianessi, utilizzando la voce e il corpo come mezzo di esplorazione.

23:00
spoken word music
“X-MACHINE”
ANDREA GIANESSI | 70I

x-machine è un progetto musicale e teatrale di live electronics del compositore e sound designer Andrea Gianessi. Si fonda sull’elaborazione elettronica di un segnale input di varia natura che viene così trasformato in musica. Il progetto comprende varie fasi con diverse sorgenti sonore come input.
Il primo esperimento realizzato appositamente per il Poverarte Festival è una elaborazione di spoken word music con la partecipazione di 7oi (Toi Giordani). Le parole di 7oi saranno il generatore sonoro che darà l’input per l’elaborazione musicale elettronica.
Il nome del progetto x-machine richiama un modello di computazione teoretico, ma suggerisce anche l’idea teatrale classica di “deus ex machina” intesa come un intervento esterno che risolve in modo imprevisto una situazione, oltre la comune logica di causa/effetto.

23:30
poesia orale performante
“poesia totale”
Marko Miladinovic
Stand up poetry o spettacolo di poesia totale. Con poesie, gags, jingles e sketches intorno ai temi della morale, della
sessualità, dei valori et supersulteriori. Inoltre esercizi di volo, soda pop mondiale, A.D.S.S.N.A.D.S.I.S
(autosuperamento di se stessi nell’arrivederci del salto in sé), piede di prete, prece, DRIIN DRINN e una soubrette di
eccezione! Cosa aspettate? Sperimentasi oltremodo l’espansione della Confederazione Svizzera fino alla sua
accidentalmente naturale trasformazione in Confederazione Europea. Spazientitevi!

24:00
live set
Berg
Un progetto realizzato interamente con la sola voce.
No synth, no filtri, no elettronica.
Senza strumenti.

dalle 01:00 in poi
DJ set
Fili Balou

_______________________________________________

Ingresso:
10,00 € per tutto l’evento incluso lo spettacolo teatrale.
Numero di posti limitati per lo spettacolo teatrale “84 gradini”. È consigliata la prenotazione all’email [email protected]

5,00 € per mostra, concerti e dj set

NO TESSERA

________________________________________________

Le prossime Eruzi∞ni saranno:
01 Dicembre Ateliersi
08 Dicembre Mercato Sonato

Poverarte – Festival di tutte le Arti, è un nucleo di associazioni che opera da tre anni nell’ambito dell’espressione delle arti indipendenti, mutando il concetto di fruizione dell’esposizione artistica nel segno dell’incontro fra le arti, fra gli artisti, con il pubblico.